Il 4 ottobre 2016, a Milano, è stata presentata una ricerca sulla forza interiore femminile, commissionata da Special K e condotta dall’Istituto di Ricerca Opinion Matters. Ad un campione di 1000 donne italiane dai 18 ai 65 anni è stato chiesto di stilare l’elenco delle parole che non vorrebbero più sentire e quelle che, invece, contribuiscono a celebrare la forza interiore femminile nella società. Le donne italiane, secondo questa ricerca, si ribellano alle etichette con cui molto spesso le più forti tra di loro vengono identificate e chiedono un nuovo lessico rispettoso del loro valore e della loro forza.

La classifica delle 5 parole, che, secondo le italiane, sminuiscono la forza di una donna, vede al primo posto mestruata ed isterica al secondo. Seguono, poi, rompi palle, stronzetta e prima donna. Il 63% delle intervistate è convinta che, ogni volta che le espressioni della loro forza vengono qualificate con questo genere di aggettivi, la forza ne esca indebolita e ferita. E pensano che queste definizioni andrebbero eliminate dal vocabolario comune.

Le parole ritenute poco tollerabili da parte delle donne sono quelle che le etichettano in modo svalutante fondandosi sugli stereotipi legati alla “donna lavoratrice” o alla “donna forte”. - ha commentato la psicologa e psicoterapeuta Laura Duranti - Come stereotipi sono particolarmente irritanti poiché tendono ad inquadrare qualsiasi donna nello stesso cliché riducendola al solo essere donna e stressandone le caratteristiche prettamente femminili (diresti mai ad un uomo che è “mestruato” o “isterico”?) ed è questo che li rende meno tollerabili, perché la attaccano in quanto donna e non in quanto persona.

Oltre il 65% del campione in età tra i 50 e 65 anni ritiene che il pregiudizio espresso da queste parole non abbia impatti sulla loro capacità di essere sempre e comunque se stesse. Oltre il 58% delle intervistate tra i 18 e i 34 anni, invece, se descritto in questo modo, si sente meno saldo nella propria determinazione a essere fedele a se stessa.

Tra le parole più amate che, secondo il campione, definiscono meglio una donna forte troviamo nell’ordine: determinata, sicura di sé, coraggiosa, intraprendente e coerente. Tali termini delineano, in modo concreto e qualitativo, e non emozionalmente aggressivo, una solidità interiore ed una chiarezza di intenti su cui basare e costruire la propria vita.

L’86% delle italiane intervistate pensa di poter contare su una considerevole forza interiore; le donne con figli e quelle con più di 50 anni sono quelle che sono convinte di possederne più della media.

Secondo quanto rilevato dalla ricerca, inoltre, circa 1 donna su 2 afferma di avere un modello femminile di forza interiore.

Alla richiesta di indicare tre esempi ispirazionali il campione intervistato ha assegnato il primo posto una figura fondamentale come la mamma. Rita Levi Montalcini è stata collocata al secondo e Madre Teresa di Calcutta al terzo: sono loro le due icone di solidità femminile in cui le donne italiane riconoscono un modello di forza interiore a cui ispirarsi.

La ricerca fa parte della nuova campagna di Special K “La Forza è …”, ideata per arrivare al cuore della forza femminile e celebrarne ogni giorno le sue espressioni.

Ambasciatrici ed esempi concreti dell’impegno di Special K contro questi stereotipi verbali sono Giorgia Surina e Giusy Versace, due modelli femminili di vera forza interiore.

Mi sono molto riconosciuta nella parola “coraggiosa” - ha dichiarato l’attrice e conduttrice radiofonica Giorgia Surina - Essere coraggiose significa saper sorridere anche nei momenti difficili, anche quando va tutto storto, anche quando vorresti solo piangere e lamentarti. Ed è sempre il coraggio delle donne che invece fa esplodere sul loro viso quel sorriso contagioso e disarmante anche per il più avverso dei destini. E con coraggio, anche se ha paura, una donna affronta tutto. Così ho fatto anche io nella mia vita ed è per questo che sento davvero mia la parola “coraggiosa”. Chi ha coraggio ha certamente anche una grandissima forza interiore.

Come molte donne italiane sono stanca di sentire utilizzare l’appellativo “Prima Donna” riferito alle donne che sono state capaci di distinguersi e avere successo e soddisfazioni nella loro vita privata e professionale - ha dichiarato l’atleta paralimpica Giusy Versace. Essere protagoniste e padrone delle propria vita è un grande risultato di forza interiore - A seguito del mio incidente ho lottato duramente con me stessa per poter riprendere a camminare e non mi sono mai arresa, allenandomi tutti i giorni per tornare a vincere personalmente e professionalmente. Per questo sono una prima donna? Non credo! Penso solo di avere una grande forza interiore.

Come nutrire questa forza interiore? Il 70% delle donne intervistate ha identificato la colazione come il momento per ricaricarsi e partire con il piede giusto per affrontare la giornata.

Per dare il suo contributo nel nutrire la forza interiore delle donne, Special K ha lanciato un prodotto innovativo: Special K nutri-mi, una gustosa combinazione di fiocchi e agglomerati multicereali con semi di lino e girasole per iniziare con forza, allegria e gusto ogni giornata.

Special K nutri-mi, quindi, è la risposta di Special K per nutrire la forza interiore delle donne grazie al suo mix esclusivo di fibre, fiocchi di frumento integrale, fiocchi multicereali, ferro, vitamine D e B dal sapore delizioso.

Il prodotto è disponibile in due varianti, una con frutta secca e semi e l’altra con frutti di bosco.

Special K Nutri-mi contiene ≥15% dei valori nutritivi di riferimento di acido folico e ferro che contribuiscono alla riduzione della stanchezza e dell’affaticamento e ≥15 % dei valori nutritivi di riferimento di vitamina D che contribuisce al mantenimento di ossa normali. Parte di una dieta varia ed equilibrata e di uno stile di vita sano.

Info: www.kelloggcompany.com - www.kelloggs.it.

  • img1
  • img2
  • img3
  • img4
 Versione stampabile




Torna