Carta d’Identità Alimentare: la rivoluzione digitale dedicata a chi mangia fuori casa

03/07/2019

La Carta d’Identità Alimentare è il primo documento digitale e gratuito che racchiude lo stile alimentare dell’utente che lo compila: vegani, crudisti, intolleranti, celiaci ecc. ma anche persone con semplici preferenze nella scelta degli alimenti da ordinare (pesce crudo sì o no), legate al gusto o ad abitudini consolidate, possono, così, indicare intolleranze, allergie, semplici preferenze o non preferenze rispetto a prodotti, materie prime o ingredienti che non si vogliono o possono mangiare quando si va al ristorante.

La Carta d’Identità Alimentare, dunque, è destinata a facilitare la vita a tutti coloro che vogliono restare fedeli al proprio stile alimentare senza per questo rinunciare a mangiare fuori casa in compagnia.

La compilazione on line della Carta d’Identità Alimentare (www.cartaidentitalimentare.com/iscrizione-utente/) è semplice e intuitiva. Per ottenere la propria Carta d’Identità Alimentare, infatti, basta creare il proprio account e riempire i campi della voce “Stile Alimentare” (“Alimenti che non gradisci”, “Allergie diagnosticate”, “Cibi che ti appesantiscono/digerisci con difficoltà”, “Diagnosi di un medico”, ecc …) semplicemente scorrendo il menù che si apre vicino ad ogni singola voce e flaggando la risposta congrua al proprio stile alimentare. Il risultato, poi, è un profilo, completo di tutte le informazioni sul proprio stile alimentare (gusti, regimi, allergie e intolleranze) da visualizzare con due tap e tenere sempre a portata di mano, proprio come si fa con un documento.

La Carta d’Identità Alimentare è una vera rivoluzione digitale gratuita. spiega l’imprenditore vicentino Pietro Ruffoni ideatore del progetto e CEO di HealthyFood - Se è vero che sono sempre di più gli Italiani che mangiano fuori casa, oltre 7 milioni, e che cresce l’attenzione dei consumatori verso l’healthy food - aggiunge Ruffoni - è altrettanto vero che è sempre più difficile conciliare le esigenze alimentari di tutti, quando si esce a cena fuori.

Trasparenza e condivisione sono le parole chiave del nostro progetto - prosegue Pietro Ruffoni - che si propone di far sì che tutti coloro che abbiano particolari esigenze, dovute ad intolleranze o allergie ma anche a scelte individuali, si sentano meno soli e più supportati nel manifestare la loro necessità di essere fedeli al proprio stile alimentare anche quando si mangia fuori casa. Vogliamo rispondere ad un bisogno crescente con un servizio che è solo il primo passo verso la creazione di un grande network digitale di persone che vogliono essere rispettate quando mangiano fuori casa nelle loro esigenze alimentari.

Naturalmente, tutti i dati personali condivisi sulla piattaforma sono protetti e non possono essere divulgati a terzi.

Info: www.cartaidentitalimentare.com