Tre aziende, un percorso tra design e moda, unite da un fil rouge che ha come punti comuni per Lualdi e Casalgrande Padana collaborazioni con grandi architetti e artisti contemporanei e nel caso di Chicca Lualdi le basi del suo pensiero creativo di moda che partono dai grandi del design.

Un percorso comune alla ricerca di uno stile pulito, rigoroso, minimal ma non certo privo di contenuti, alla ricerca di una modalità espressiva che punta alla essenza di materia e ben fatto e studio del dettaglio, rifuggendo il concetto di lusso come ostentazione e opulenza per rifugiarsi nella ricerca e nella qualità.

Una storia di creatività e sperimentazione quella che segna la famiglia Lualdi e che rende oggi il nome trasversalmente conosciuto nel mondo, poiché punto di riferimento nell’ambito dell’architettura e della moda allo stesso tempo. A partire dagli anni '60, il marchio Lualdi si è affermato nel settore delle porte di design e dell’arredamento su misura.

Il salto di qualità - commenta Alberto Lualdi, AD dell'omonima azienda - è avvenuto quando l’architetto Luigi Caccia Dominioni, da poco scomparso, ha chiesto a Lualdi di realizzare porte, arredi e finestre per Casa Pirelli. Si è trattato in assoluto del primo caso di Industrial Design applicato alla porta.

Da allora, l'azienda è cresciuta aumentando le collaborazioni con grandi nomi del design uno fra tutti quello di Piero Lissoni, che ha valso all’azienda il XXIII Compasso D’Oro nel 2014 con la porta L16. In questo contesto nasce Chicca Lualdi, apprendendo dal nonno Bruno valori come rigore estetico, qualità del ben fatto, estetica senza tempo e attorniata dai grandi maestri contemporanei del design che le trasmettono la passione per l’arte e per l’architettura e che ne influenzeranno in modo definitivo la crescita professionale.

Dopo gli studi a Milano prima e New York poi, Chicca vince nel 2010 il concorso Fashion Incubator promosso da Camera Nazionale della Moda Italiana come “miglior giovane talento emergente della moda italiana”, attirando da quel momento l’interesse internazionale di media e buyers. A Chicca Lualdi l’onore di aprire il calendario ufficiale di Milano Moda Donna, in qualità di nuovo talento della Moda Italiana. Nel 2015 il nome di Chicca Lualdi entra nel vocabolario ufficiale della Moda Italiana e i suoi capi vengono esposti al Museo della Triennale di Milano.

Il nome di Lualdi si afferma così nel mondo. Se da una parte Chicca è ospite con le proprie sfilate a Parigi, Londra, New York, Mosca, Tokyo e Pechino, l’azienda delle porte di design firma importanti progetti in altrettante città del mondo.

Anche la storia di Casalgrande Padana è fortemente contraddistinta dall’impegno a sostegno di iniziative di grande rilievo nel campo del progetto d’architettura. In primo piano il Grand Prix, concorso internazionale istituito nel 1990, oggi stimato come uno dei più accreditati appuntamenti nel campo della progettazione ceramica nonché le autorevoli collaborazioni con designer del calibro di Daniel Libeskin, Kengo Kuma, Renzo Piano, 5+1 Alfonso Femia e Gianluca Peluffo, Massimiliano Fuksas, Arata Isozaki e Andrea Maffei, Pininfarina.

Casalgrande Padana azienda d'ispirazione per numerosi progettisti e committenti di tutto il mondo, cultura della produzione e del progetto sono, da sempre, gli ambiti di riferimento per l’azienda, in questo senso il percorso di Casalgrande Padana è fortemente caratterizzato dall’impegno a sostegno di proposte di primo piano: dalla promozione di iniziative legate all’architettura, al design e alla cultura, fino alla moda con Chicca Lualdi. Tre aziende accomunate da un pensiero di estetica che fonda le radici nell’arte e nell’architettura per elevare il mero prodotto a oggetto di design ed espressione di uno stile. Da queste basi parte il pensiero creativo della stilista Chicca Lualdi, che in un breve percorso iconografico ha presentato la sua moda ispirata ai grandi maestri, ambientandolo in contesto di piccoli ambienti design da lei interpretati. I suoi capi sono ora ispirati alle linee di Caccia Dominioni, ora al design di Gio' Ponti, alla modernità di Itoshi Abe, al fascino delle strutture di F. Lloyd Wright, Endo, H. de Meuron.

Info: www.lualdi.com

  • img1
  • img2
  • img3
  • img4
 Versione stampabile




Torna