Friuli Venezia Giulia al top

Lonely planet inserisce il Friuli Venezia Giulia tra le mete turistiche 2016, “le destinazioni di cui tutti parleranno”Unica area territoriale del Bel Paese inserita nella Bibbia delle idee di viaggio, assieme alla città di Roma.

Il Friuli Venezia Giulia è inserita espressamente con le sue zone vinicole d’eccellenza, il Collio innanzitutto, che accolgono nelle semplici tavole degli agriturismI, nelle raffinate sale da pranzo e con le degustazioni tra i vigneti.

Intanto è nata la Carta del Gusto della Riviera Friulana, uno strumento accattivante per far conoscere il territorio e le sue eccellenze enogastronomiche, che raccoglie la variegata proposta del gusto dell’ambito rivierasco, raccolta nel club di prodotto denominato La Riviera Friulana.www.turismofvg.itwww.larivierafriulana.it

La biodiversità del Parco Nazionale dell’Appennino Lucano

Dalla eccezionale e singolare biodiversità dell’Area protetta del Parco Nazionale dell’Appennino Lucano deriva una splendida varietà di verdure, germogli, cereali, legumi, che diventano ingredienti di ottime ricette tradizionali, zuppe, minestre, contorni saporiti che valgono come interi pranzi, senza dimenticare tutti i primi piatti rustici a base di paste fatte a mano condite con salse di verdure, olio extravergine e spezie profumate.

Tra i prodotti tipici i Fagioli di Sarconi, riconosciuti IGP, prodotti in un'ampia area del Parco, hanno nei semi un elevato contenuto di zuccheri semplici, che allungano così i tempi necessari per la loro trasformazione in amido.

Il "Canestrato di Moliterno Stagionato" IGP, invece , è un tipico formaggio ottenuto dalla trasformazione di latte di pecore e capre nutrite principalmente da foraggi freschi.

A seconda della stagionatura viene distinto in primitivo, se la stagionatura non supera i 6 mesi, stagionato, se la stagionatura non supera i 12 mesi; extra, se la stagionatura supera un anno.A pasta dura uniforme, è di colore giallo paglierino, dal sapore piccante, forte ed aromatico.www.parcoappenninolucano.it

Saint-Vincent Resort & Casino: un mese ricco di eventi enogastronomici

Il Saint-Vincent Resort & Casino continua a “prendere per la gola” i suoi clienti più affezionati e non solo.

Al ristorante La Brasserie du casino, infatti, continuano gli appuntamenti enogastronomici dedicati alle specialità regionali italiane e francesi.

Dopo gli appuntamenti con le ostriche e il granchio (Huîtres et Crabes), accompagnati dalle bollicine, esclusivamente valdostane, dopo la serata dedicata al Foie Gras assieme al Poulet de Bresse, la Brasserie rende omaggio ai milanesi, venerdì 4 dicembre, con la “Festa del Risotto”, accompagnato dall’immancabile ossobuco.

Al ristorante Le Rascard Salon et Terasse del Grand Hotel Billia invece, domenica 6 dicembre con replica in Brasserie lunedì 7, serata dedicata all’eccellenza della cucina partenopea accompagnata da un tributo a Mario Merola con la partecipazione del figlio del grande interprete della sceneggiata napoletana, Francesco. Infine, la Brasserie ospiterà il Piemonte nel fine settimana del 18 e del 19 dicembre, per omaggiare uno dei piatti tradizionali di questa terra: il Fritto Misto.www.saintvincentresortcasino.it

Weltgenuss Erbe Bayern per cene invernali

Cene in famiglia e momenti dedicati agli amici più cari? Tipiche scelte del mese più dolce dell’anno, quello delle feste natalizie.

Per riscaldarlo ecco WeltgenussErbe Bayern, che suggerisce cosa mettere nel piatto in questi momenti.

Prodotti bavaresi ideali per questi momenti in famiglia o tra amici: la Carne di Manzo Igp, i formaggi Bergkaese e Emmentaler dell’Algovia Dop, le Salsicce di Norimberga Igp, la Birra Igp.

Questi i principali „tesori“ di cui può vantarsi la tavola bavarese, prodotti caratteristici che hanno meritato il riconoscimento Dop o Igp per l’attenzione e il rispetto delle tecniche riservata a ogni fase della produzione.

Dall’allevamento alla macellazione, dalla coltivazione alla lavorazione delle materie prime seguendo una tradizione centenaria.www.weltgenusserbe.eu

Alta Badia: gourmet skisafari 2015

La stagione invernale in Alta Badia riparte all’insegna della buona cucina.

Il 13 dicembre sarà il SUD, inteso come Sud Italia e Sud Tirolo, al centro della proposta enogastronomica sulle piste della località nel cuore delle Dolomiti altoatesine, Patrimonio Naturale dell’Umanità UNESCO.

Alla quarta edizione del Gourmet Skisafari, parteciperanno ben 8 chef stellati, 4 provenienti dalle regioni del Sud Italia e 4 dal Sud Tirolo (Alto Adige), ognuno abbinato ad una baita dell’Alta Badia.

Tra le leccornie una zuppa di vino con crostini alle erbe, salmerino marinato su bruschetta di patate, un tortello al caprino su purè di rape rosse, arachidi e ragout di maialino da latte,spaghetti aglio, olio, peperoncino e capesante con salsa di marasciuolo (rapa selvatica), linguine al limone con cozze, bottarga e pane croccante di Agerola.

Il 13 dicembre gli sciatori si sposteranno sugli sci da una baita all’altra, dove si fermeranno per degustare i piatti serviti dagli chef. Verranno presentate vere e proprie opere d’arte, non solo per il palato, ma anche per la vista.www.altabadia.org

Franca Dell’Arciprete

  • img1
  • img2
  • img3
  • img4
  • img5
 Versione stampabile




Torna