Il lavoratore, assente per malattia, deve comunicare l’assenza, inviare il certificato medico e rendersi reperibile

Malattia: invio della certificazione medica

  Novità aziendali   

Il lavoratore, assente per malattia, deve comunicare al datore di lavoro e allInps lassenza ed  inviare loro il certificato medico per metterli nella condizione di conoscere lo stato di malattia ed appurarne la veridicit  e per le altre conseguenze da esso derivanti sul rapporto di lavoro e sul piano previdenziale.

Linadempimento del lavoratore a tali obblighi, pu comportare la perdita della garanzia economica e lapplicazione di sanzioni disciplinari a opera del datore di lavoro.

La comunicazione dellassenza deve essere tempestiva per permettere allazienda di sopperire allimprevista circostanza.

Se il lavoratore non ottempera a tale obbligo, il datore di lavoro pu procedere alla contestazione disciplinare.

Il lavoratore deve quindi provare la sussistenza dello stato di malattia con idonea certificazione in duplice copia redatta dal medico curante: il certificato di diagnosi e lattestazione sullinizio e la durata presunta della malattia. Se il medico non dispone degli appositi moduli, il lavoratore deve fotocopiare il certificato redatto sul ricettario normale e inviare i due esemplari rispettivamente al datore di lavoro e allInps. In caso di prosecuzione della malattia oltre la prognosi, il lavoratore tenuto a documentare la circostanza mediante certificazione medica di continuazione. Se la certificazione di continuazione, pur essendo pervenuta entro due giorni dalla redazione, risultasse rilasciata in ritardo (e cio oltre i due giorni successivi a quelli di scadenza della prognosi precedente), trovano applicazione le sanzioni per mancata certificazione, con conseguente perdita dellindennit per le giornate di malattia che non risultino comprovate dalla certificazione. In caso di ripresa dellattivit lavorativa prima della scadenza della prognosi, lidoneit deve essere debitamente documentata dal medico curante.

Il certificato medico di diagnosi deve essere recapitato o inviato a mezzo di raccomandata con avviso di ricevimento allInps entro i due giorni successivi a quello del rilascio (il giorno iniziale del rilascio non deve essere conteggiato. Se il giorno di scadenza del termine festivo, la scadenza prorogata al primo giorno seguente non festivo). Entro lo stesso termine deve essere recapitata o trasmessa lattestazione al datore di lavoro. Leventuale trasmissione del certificato tramite fax valida ai soli fini del rispetto del termine di invio ma, ai fini dellerogazione dellindennit, necessario comunque il certificato medico originale.

Il ritardato invio del certificato, fatti salvi i casi determinati da legittimo impedimento d luogo alla perdita del diritto allindennit di malattia erogata dallInps per tutta la durata del ritardo.

Indipendentemente dalle eventuali sanzioni economiche applicate dallInps, il lavoratore che non provveda nei termini a inviare direttamente allazienda il certificato di malattia, passibile di sanzione economica e disciplinare anche da parte del datore di lavoro.

Per le sanzioni economiche occorre tener presente che, laddove sia dovuta una integrazione a carico dellazienda, la stessa non sar corrisposta per i giorni di ritardo e, comunque, per tutti i giorni sanzionati dallInps; pertanto, venendo meno la quota a carico Inps, non sar dovuta la quota integrativa a carico del datore di lavoro.

Se la certificazione perviene in ritardo sia al datore che allInps i giorni di ritardo si computano avendo riguardo alla data del certificato da ultimo pervenuto, la certificazione arriva in ritardo solo al datore di lavoro si pu applicare solo la sanzione disciplinare.

Per quanto riguarda le sanzioni disciplinari, occorre fare riferimento alle previsioni dei contratti collettivi nazionali di settore.

LInps, con circolare n. 11 dell8 agosto 1985, ha peraltro definito che per giorni di ritardo non indennizzabili devono intendersi i soli giorni di ritardo in senso stretto, vale a dire facendo salvi i due giorni a disposizione del lavoratore per linoltro del certificato.

Giovanni Scotti

 Versione stampabile




Torna