C’è Torino con la sua cultura imperiale e c’è soprattutto il Monte Bianco.

L’Italia verso il Decimo Forum Mondiale dell’Acqua 2024

  Ambiente, Sicurezza e Trasporti  

Endro Martini, Presidente di Italy Water Forum 2024, il comitato promotore della candidatura dell’Italia a sede del X Forum Mondiale dell’Acqua, ha annunciato che a Marsiglia sono state presentate Torino e il Monte Bianco con la sua vetta come candidate a sede del Decimo Forum Mondiale dell’Acqua, primo e grande evento internazionale dopo le Olimpiadi Invernali e del dopo pandemia.

Per la prima volta, così, una vetta così importante sarebbe protagonista di un Forum Mondiale dell’Acqua.

L’Italia, dunque, è nella short list delle candidature finaliste a sede del Decimo Forum che dovrà svolgersi nel 2024, ma, ovviamente, la decisione conclusiva verrà presa, con ogni probabilità, dopo l’Estate.

Il Decimo Forum Mondiale dell’Acqua 2024, qualora l’Italia dovesse essere sede dell’evento porterà più di 100.000 visitatori, capi di Stato, rappresentanti delle Religioni di tutto il Mondo nel nostro Paese per un Forum diverso, inclusivo e aperto anche alle posizioni del Contro - Forum.

Il Monte Bianco (Monte Bianco in francese e in Arpitan), lo ricordiamo, è la montagna più alta delle Alpi, con i suoi 4.808,72 m di altitudine (ultima misurazione ufficiale il 13 settembre 2017), e secondo alcune convenzioni, sarebbe anche la vetta più alta in Europa, da cui il soprannome, talvolta usato, di Re delle Alpi, condividendo insieme al Monte Elbrus nel Caucaso anche la denominazione di essere tra le Sette Cime del Pianeta.

Il Monte Bianco è situato nel settore delle Alpi Nord-occidentali, lungo il tratto alpino delle Alpi Graie, sulla linea di spartiacque tra la Valle d'Aosta (Val Veny e Val Ferret in Italia) e l'Alta Savoia (Valle dell'Arve in Francia), nel comune di Courmayeur Chamonix, dà il nome al massiccio omonimo, appartenente alla sottosezione delle Alpi del Monte Bianco.

Di natura prevalentemente granitica, irta di guglie e crinali, scavata da profonde vallate in cui scorrono numerosi ghiacciai, è considerata una montagna di grande richiamo per l'alpinismo internazionale e, dal punto di vista della storiografia alpinistica, la nascita dell'alpinismo stessa coincide con la data della sua prima ascensione: 8 agosto 1786. Sul Monte Bianco, in questo periodo abbiamo avuto i primi crolli di ghiaccio dalle Grandes Jorasses con un primo enorme blocco di ghiaccio sceso dalla montagna. Il ghiacciaio del Monte Bianco è in assoluta sofferenza ed anche le cronache degli ultimi tempi lo hanno ampiamente testimoniato. Ecco che il Forum Mondiale dell’Acqua “Italy Water Forum 2024” metterà al centro del confronto anche questi temi che sono davvero importanti per la sopravvivenza del Pianeta e della risorsa acqua. Torino con la sua storia imperiale e il Monte Bianco che consente un reale viaggio geologico nel tempo, sono nella programmazione stabilita nell’ambito del progetto di candidatura dell’Italia a sede del Decimo Forum Mondiale che è stata già depositata a Marsiglia. Poteremo il Forum nel cuore dell’Europa dopo Brasilia in America Latina e dopo Dakar in Africa.

Ricordiamo che Enti e Associazioni possono candidare il loro progetto di adesione al Comitato Promotore trovando tutte le informazioni sul sito www.italywaterforum.it

Un’ultima informazione il Nono Forum dell’Acqua che, è stato rimandato di un anno a causa della pandemia, si svolgerà a Dakar nel marzo del 2022.

Del comitato promotore della candidatura dell’Italia a sede del X Forum Mondiale dell’Acqua, oltre al presidente, il geologo, Endro Martini, fanno parte il Sacro Convento di Assisi, il Comune di Firenze, Comune di Assisi, Consiglio Nazionale dei Geologi, ISPRA, Protezione Civile Nazionale , Istituto Nazionale di Urbanistica, Comune di Ferrara, Associazione Nazionale delle Bonifiche e Irrigazioni, Rotary International Club di Ottaviano, Meteo Giuliacci, Skopìa srl, Cae srl, Agronomist World Academy Foundation, Iat srl , Water Right and Energy Foundation, Triumph Group International, Archeoclub d’Italia e Centro Studi Alta Scuola dell’Umbria, istituto specializzato nella manutenzione e valorizzazione dei centri storici e del quale fanno parte Regione Umbria, Comune di Orvieto, Comune di Assisi, Comune di Todi che è stato l’animatore di questo progetto.

Info: www.italywaterforum.it.

 Versione stampabile




Torna