FOCUS ON LINE - RIVISTA N 9, 7 dicembre 2010

Arredo e Design, Tendenze

India Kitchen 2010
Completato il concorso In_Dia Kitchen lanciato da Veneta Cucine e Domus Academy

Il concorso, aperto a studenti e professionisti indiani under 30, si proponeva di elaborare proposte di interni, mobili, strumenti e prodotti legati al mondo della preparazione e del consumo di cibo, che riuscissero a cogliere  e restituire modi di vivere il cibo  e tradizioni locali, facendo tesoro delle modalità occidentali.

Nutrito il numero dei partecipanti e buona, in generale, la qualità dei progetti presentati: tutti hanno interpretato, con modalità differenti, i temi di base contenuti nel brief e nel libro.

Un tema ricorrente nei progetti è la commistione dei linguaggi e delle ritualità, tipiche della cucina indiana, con il nostro modo di pensare lo spazio cucina.

Quattro i vincitori ai quali viene offerta la possibilità di approfondire il loro percorso di crescita in Italia presso la Domus Academy: i primi due classificati avranno una borsa di studio pari al costo di iscrizione al master annuale, mentre il terzo e il quarto classificato riceveranno un contributo pari al 40%.

I vincitori:

Baluja Arush. Con la sua “Kichenette” ha saputo interpretare una tendenza in atto nei paesi asiatici legata all’utilizzo degli spazi esterni, inteso come estensione dello spazio interno. Kitchenette è una risposta che va oltre il concetto di lusso ma riprende il legame delle culture asiatiche con la natura, con suggestione nuova. 

Sandip Paul. Si è ispirato alle spezie, elemento fondamentale della cucina indiana per la sua “Spice Kitchen”. Nella cucina indiana l’uso delle spezie è molto diffuso nei diversi piatti; per questo Sandip ha pensato di rendere ancor più semplice ed agevole la loro preparazione progettando un  piano di lavoro in pietra, con accessori collegati, posizionabile in ogni modello di cucina.

3°/4° Sequeira Kristel e Wadhawan Charus. I loro progetti rappresentano una sintesi del cambiamento in atto nel modo di pensare la cucina nel mondo indiano. Contaminazione di materiali e utilizzo di forme e soluzioni integrate che creano un interessante gioco estetico e funzionale dove é sempre presente da protagonista uno spazio  per i contenitori di spezie.