FOCUS ON LINE - RIVISTA N° 6, 20 aprile 2009

In viaggio tra gusto e cultura, Itinerari italiani

Il Piemonte sede definitiva di Biteg
Completa il ventaglio delle grandi manifestazioni eno-gastronomiche di richiamo nternazionale giĆ  consolidate sul territorio piemontese

Debutta a Serralunga d’Alba dal 7 al 10 maggio 2009 la nuova BITEG – Borsa Internazionale del Turismo Enogastronomico - che con la 10^ edizione si trasferisce definitivamente in Piemonte, come l’evento B2B che completa il ventaglio delle grandi manifestazioni eno-gastronomiche di richiamo internazionale già consolidate sul territorio piemontese. Con l’acquisizione del marchio BITEG a partire dall’edizione 2009, la Regione Piemonte intende infatti rafforzare il proprio posizionamento di ‘polo d’eccellenza’ in Italia per lo sviluppo economico internazionale dell’enogastronomia di qualità e dei settori ad essa correlati. Organizzata da Regione Piemonte attraverso Sviluppo Piemonte Turismo in collaborazione con le ATL di Alba Langhe e Roero, Cuneo, Alessandria, Asti e con il patrocinio di Enit, BITEG 2009 fa incontrare operatori qualificati dell’offerta italiana di turismo eno-gastronomico e della domanda nazionale e internazionale per il rilancio di un importante settore del comparto economico nazionale.

Su un turismo eno-gastronomico centrato su qualità, tipicità, sostenibilità del suo territorio si concentrerà l’attenzione degli 80 buyer della domanda estera provenienti da 12 nazioni - Mercati-chiave europei, Stati Uniti, Canada e Giappone – a cui si aggiungono 50 buyer della domanda italiana. L’offerta Made in Italy sarà invece rappresentata da 150 operatori, provenienti da tutte le regioni italiane e selezionati per la specificità e l’accuratezza della programmazione. Ricco è il programma dei quattro giorni della Borsa e prevede, oltre allo svolgimento del workshop dedicato agli incontri BtoB, anche una serie di eventi collaterali sul territorio piemontese, finalizzati ad esaltare la perfetta combinazione tra territorio, qualità, tipicità, paesaggio e cultura per la più corretta formulazione dell’offerta di turismo enogastronomico.

Esemplari le sedi: la Locanda del Sant’Uffizio di Cioccaro di Penango d’Asti - edificio seicentesco nei cui sottotetti i Domenicani producevano il buon vino destinato alla Messa - per il Welcome Dinner del 7 maggio dedicato ai piatti della tradizione astigiana e monferrina. La Tenuta di Fontanafredda - oggi una delle più prestigiose cantine del Piemonte, la cui attività vitivinicola risale al 1878 - sede ufficiale del workshop BtoB dell’8 e 9 maggio.

I prodotti e le eccellenze enogastronomiche piemontesi saranno protagonisti del percorso degustativo nella cena di Gala dell’8 maggio, che si terrà presso l’Albergo dell’Agenzia di Pollenzo, nel cui complesso fanno parte anche l’Università di Scienze Gastronomiche promossa da Slow Food e la Banca del Vino, memoria storica del vino italiano con un patrimonio di oltre 100mila bottiglie.

Ulteriori informazioni: www.torinopiemonte.com e www.biteg.it.