Il 4 e 5 giugno, alle 21.00, ai Frigoriferi Milanesi, in Via Piranesi 10, a Milano, andrà in scena l’ultimo spettacolo del Festival “Prova a sollevarti dal suolo” organizzato dalla Compagnia Opera Liquida in collaborazione con il Teatro della Luna.

In prima nazionale sarà presentato lo spettacolo “Ma i sogni li ho presi?” di Roger Mazzaro con la regia e la drammaturgia di Ivana Trettel, con Maria Rosa Criniti e Roger Mazzaro. Le scenografie sono di Bettina Colombo con narrazioni video della Milano Scuola di Cinema e Televisione.

Lo spettacolo “Ma i sogni li ho presi?” è la storia di un ragazzo di buona famiglia, scappato di casa a 16 anni e vissuto tra strada e galera fino all’incontro con il teatro.

Lo spettacolo è tratto dall’autobiografia di Roger, la cui stesura è iniziata durante la carcerazione ed è ormai pronta per la pubblicazione.

Lo spettacolo procede per salti emotivi, narrazione e flashback in cui Roger ripercorre la sua vita dall’infanzia, attraversando la violenza, la crew 16K (gruppo di writer e rapper della Barona - Milano), l’amore, la delinquenza, le continue carcerazioni, per arrivare a raccontare quali sono stati i processi emotivi che lo hanno portato, alla soglia dei 40 anni, a riprendere in mano la propria vita, grazie alla fiducia in se stesso ed alla consapevolezza che il cambiamento è possibile, seppur tra mille difficoltà.

Straordinario l’incontro con Milano Scuola di Cinema e Televisione, che, attraverso i suoi studenti - guidati da Giuseppe Baresi e Fabio Cherstich - si è occupata delle narrazioni video per lo spettacolo.

L’immagine coordinata di Opera Liquida e tutta la comunicazione per il Festival è stata realizzata dagli studenti di Naba - Nuova Accademia di Belle Arti Design, sotto la guida di Antonio Anaclerio e Angelo Colella.

Dopo 3 spettacoli di compagnie di ricerca ospiti dello Stabile in Opera dentro il carcere, Opera Liquida manda un segnale forte di costruzione del ponte tra il “dentro” e il “fuori”, portando la sua prima produzione “esterna” in un luogo di cultura come i Frigoriferi Milanesi, raccontando una vicenda umana che attraversa anche il carcere, ma soprattutto i più sottili processi emotivi.

Info e prenotazione: cell. 339 6430527 - stabileinopera@gmail.com - www.operaliquida.it.