Mercoledì 18 ottobre, a Milano, in Via Tortona al 26, da Esco Bistro Mediterraneo, nell’evento Gongonzola & Asti Secco si sono presentate insieme due eccellenze Italiane: Arrigoni Battista, una delle più prestigiose aziende presenti nel settore lattiero caseario, e la cantina Duchessa Lia di Santo Stefano Belbo (Cn), la cui etichetta è ispirata ad una ragazza di nome Lia, che tutti avevano soprannominato “Duchessa” per il nobile aspetto e il portamento altero: i vini avrebbero, così, lasciato in chi li avrebbe bevuti un ricordo indelebile come quello che la “Duchessa” Lia lasciava nel cuore e nella mente di chi la incontrava.

La cantina Duchessa Lia, fondata ad Asti intorno alla metà degli anni settanta ed acquisita, alla fine degli anni novanta dalla famiglia Capetta, che la trasferisce a Santo Stefano Belbo, specializzandosi nella produzione di Doc e Docg piemontesi, ha presentato il suo nuovo spumante: l’Asti Secco Docg, che nasce da una nuova modalità di vinificazione del vitigno Moscato Bianco, studiata e sperimentata per anni e messa a punto in collaborazione con il laboratorio di ricerca del Consorzio di Tutela dell’Asti Docg: grazie a particolari condizioni di contatto con i lieviti, la nuova modalità di vinificazione consente di ottenere una versione dry dell’Asti, che risulta equilibrato ed armonioso sia al gusto sia all’olfatto.

L’Asti Secco Docg prodotto da Duchessa Lia si caratterizza per un perlage fine e persistente. Il profumo è fragrante e floreale, con sentori di tiglio e acacia. Il colore va da paglierino a dorato tenue. Il sapore è secco, delicatamente equilibrato.

Questo nuovo spumante, che ha una gradazione di 10,5 vol. e deve essere servito fresco, a 6° C, è ideale come aperitivo: si abbina, squisitamente, a piatti di pesce, crostacei, formaggi freschi e salumi. Grazie al suo sapore, delicatamente secco, comunque, può accompagnare l’intero pasto di quanti, una volta scelto un vino, preferiscono non cambiare.

L’Asti Secco Docg si aggiunge ad altri due noti vini ottenuti, grazie a differenti tecniche di vinificazione, dal vitigno di Moscato Bianco, che circonda lo stabilimento della cantina Duchessa Lia di Santo Stefano Belbo: l’Asti Docg e il Moscato d’Asti Docg, due referenze che spiccano, da sempre, tra l’offerta di vini Doc e Docg piemontesi.

L’etichetta del’azienda Duchessa Lia è ispirata ad una ragazza di nome Lia, che tutti avevano soprannominato “Duchessa” per il nobile aspetto e il portamento altero: i vini avrebbero, così, lasciato in chi li avrebbe bevuti un ricordo indelebile come quello che la “Duchessa” Lia lasciava nel cuore e nella mente di chi la incontrava.

L’Asti Secco Docg della cantina Duchessa Lia è stato presentato in abbinamento con il gorgonzola dell’azienda casearia Arrigoni Battista, che ha la sua sede a Pagazzano (BG) ed è leader nel mercato del Taleggio.

L'azienda Arrigoni produce, oltre al Taleggio, anche altri formaggi della tradizione lombarda come il Gorgonzola, dolce e piccante, la Crescenza ed il Quartirolo Lombardo. Famosi sono anche i prodotti della linea Gli Unici: il Lucifero, il Torreggio ed il Rossini. Formaggi tutti di elevata qualità, come confermano i tanti riconoscimenti ricevuti dall'azienda a livello sia nazionale sia internazionale.

L’ultimo riconoscimento Arrigoni lo ha ricevuto sabato 16 settembre a Cheese, quando ha ritirato la prestigiosa Targa di Eccellenza conferita dalla Condotta Slow Food di Gorgonzola e Martesana e dalla delegazione milanese dell’Organizzazione nazionale assaggiatori di formaggio (Onaf) nel contesto dell’edizione 2017 di Infiniti Blu, rassegna di eccellenza dedicata al mondo dei formaggi erborinati.

Operativa da oltre 100 anni, l’azienda Arrigoni non è solo una delle più prestigiose aziende presenti nel settore lattiero caseario, ma è anche una realtà completa dal punto di vista sia delle strutture di produzione sia dell’organizzazione commerciale.

Oggi, Arrigoni è un attore di primissimo piano nell’industria casearia italiana grazie all’integrazione ed al controllo della intera filiera produttiva: dalla materia prima al prodotto finito, dalla terra e dagli allevamenti al confezionamento ed alla distribuzione. I formaggi Arrigoni si trovano nelle maggiori catene GDO e presso lo spaccio aziendale. Dal 1° dicembre, poi, sarà possibile prenotare anche confezioni regalo per Natale.

Nel corso della serata da Esco Bistro Mediterraneo, lo chef Francesco Passalacqua ha realizzato un cremoso menù con i formaggi, tradizionali e quelli “Unici” di Arrigoni Battista.

Focacce gourmet con crema di zucca, taleggio dop e marroni; con quartirolo dop e verdure essiccate al sole; e con Lucifero e indivia brasata. E ancora, vellutata di radici e topinambur con crudità autunnali e Torregio; insalata tiepida di barbabietola rossa, sedano rapa e gorgonzola piccante dop; uovo livornese bio fondente con crema di porcini, taleggio e cialda al timo; e cereali spezzati con topinambur e Rossini. E poi arrivato il risotto mantecato ai peperoni e alla cipolla rossa di Tropea al forno con gorgonzola piccante. Tutto il menu è stato abbinato all’Asti Secco docg by Duchessa Lia. Il Moscato d’Asti, invece, ha accompagnato la crema bruciata al taleggio e nocciole delle Langhe.

La serata ha rappresentato l’anteprima del progetto FORMAGGIANDO CON ARRIGONI BATTISTA, realizzato da Susanna Amerigo: gli Chef di cinque ristoranti Top di Milano interpreteranno i formaggi di Arrigoni Battista, creando menù che delizieranno gli amanti del buon cibo e del buon vino (Info: susanna.amerigo@fastwebnet.it) .

Info: Duchessa Lia srl - Corso Piave 140, cap 12058, S. Stefano Belbo (Cn) - tel 0141843006 - www.duchessalia.it; Arrigoni Battista S.p.A. - Via Treviglio 940, cap 24040, Pagazzano (Bg) - tel 0363031203 - www.arrigoniformaggi.it - info@arrigoniformaggi.it.

Giovanni Scotti

  • img1
  • img2
  • img3
  • img4
  • img5
  • img6
 Versione stampabile




Torna