A due passi dalla stazione Centrale, a 5 minuti dal centro di Milano, è stato inaugurato Joy Coffee&Green, che è il fratello minore del primo Joy di Castelletto Ticino (Novara), aperto due anni fa: non solo una caffetteria o un bistrot, ma un’isola verde con altalene al posto delle sedie, alberi di ulivo al centro del locale ed un soffitto a forma di giardino. Un vero giardino segreto nel cuore della metropoli, a due passi dalla stazione Centrale.

La filosofia del locale è semplice: avvicinare le persone al mondo bio, senza forzature, con una particolare attenzione all’alimentazione sana.

Grazie al progetto di allestimento ideato dall’Architetto Alessandro Maja dello studio milanese MajaGroup e realizzato da NORVECA Contract S.r.l. di Alba, i clienti sono accolti dai colori del legno e dalle oasi verdi, un grande ulivo all’ingresso, altalene al posto delle sedie, luci soffuse. I clienti hanno a disposizione giornali, libri, piante e computer. L’wi-fi è libero in tutte le aree.

Il locale si estende su due piani. In quello inferiore ci sono la cucina, l’area Bio shop con i cibi pronti da portare a casa, due banchi di mescita ed uno per il food e bevande. Al piano superiore, invece, ci sono oltre 80 posti a sedere. Quando lo sguardo sale verso l’alto, il soffitto appare come un giardino capovolto con l’erba e tutto l’occorrente per il pic nic.

La cucina è genuina e le atmosfere sono “quelle di casa”.

Gli alimenti freschi sono sempre cucinati al momento (compresa la ristorazione take away, preparata appena prima di essere esposta nel frigorifero) Le ricette, a firma è dello chef Domenico Sorrentino, sono semplici, stuzzicanti, gustose, leggerissime, senza alcuna sofisticazione.

I prodotti sono di alta qualità nel rispetto di una filiera produttiva, naturale e biologica, in grado di garantirne il massimo della genuinità. Nel menù si possono trovare: pennette di segale integrali con pomodorini, zucca e ricotta di pecora; filetto di branzino all'acqua pazza; bocconcini di pollo alla curcuma, pepe e limone; vellutata di broccoli e basilico con crostini e sesamo nero; riso Carnaroli integrale mantecato con carote e funghi; mousse vegan e senza lattosio al cioccolato, whiskey e nocciole croccanti. Poi zuppe vegane, piatti a base di verdure, carne e pesce. Non mancano: tramezzini, insalate, piadine, focacce (tutte cucinate con farina biologica), piatti freddi, e caldi che cambiano ogni giorno. Naturalmente ci sono centrifugati, frullati e succhi di frutta da accompagnare a dolci fatti in casa come tortini di mele, di carote, crostatine ai lamponi, e pastafrolla vegana senza glutine, i brownies (anche questi senza glutine) e la piccola pasticceria. Andando verso l’orario dell’aperitivo, accanto ai cocktail tradizionali, ci sono anche quelli biologici: con vodka, tequila, rum e gin rigorosamente bio.

Così Joy offre un luogo dove fare “pausa” e gustare squisite pietanze equilibrate dal punto di vista nutrizionale, sane e di provenienza certa. Da Joy un break, anche solo per il tempo del pranzo tra una riunione e l’altra,si trasforma in un’oasi accogliente, un salotto dai colori pastello e dalle luci calde. Una pausa dalla città e dai sui ritmi frenetici.

Info: Joy Coffee&Green - Via Vittor Pisani 13, Milano- aperto dalle 7,00 alle21,00; chiuso la domenica - tel 0267070683 - www.joycoffeegreen.it.

Giovanni Scotti

  • img1
  • img2
  • img3
  • img4
 Versione stampabile




Torna