Olanda: paesini sull’acqua

Il legame tra l’Olanda e l’acqua è indissolubile.

Oltre ad avere un bellissimo litorale, l’interno del paese presenta un paesaggio affascinante fatto di canali, fossi, stagni, laghi e fiumi.Senza le stazioni di pompaggio, i polder e le dighe, famosi in tutto il mondo, metà del paese sarebbe sommerso dall’acqua.

Ecco il risultato in cinque deliziosi paesini: Giethoorn, Marken, Bourtange, Shokland e Hindeloopen.Giethoorn, una cittadina di 2.500 abitanti, a circa 30 chilometri dalla bella città di Zwolle, ha case con i tetti ricoperti di paglia, antiche fattorie nascoste nella vegetazione e ponti a schiena d’asino che si affacciano sui canali.Marken è un villaggio affacciato sul Markenmeer, originariamente isolato ma, grazie alla diga costruita negli anni ’50, ora collegato alla terraferma.

Bourtange, una piccola città-fortezza situata nella provincia di Groningen, vicino al confine con la Germania, risale al 1580 ed è costruito a forma di stella a cinque punte, circondata da una fitta rete di canali, anch’essi a forma di stella.

Shockland fu per secoli un’isola densamente popolata, nonostante la costante minaccia del mare, poiché situata sul tempestoso Mare del Sud (Zuiderzee).

Negli anni ’40 del secolo scorso vennero condotti dei lavori di bonifica, che hanno reso Shockland un’isola circondata da un polder, e non dal mare. Shokland è stato il primo sito olandese a entrare nel patrimonio mondiale dell’UNESCO.Hindeloopen è una città storica, nata e sviluppatasi grazie alla pesca e ai commerci attraverso il Mare "Zuiderzeee", che venne poi chiuso da una diga, diventando l’Ijsselmeer.www.holland.com/it/

Donauberglandweg: il sentiero del Danubio

Dalla cima del Giura Svevo fino al "Gran Canyon", la valle fluviale dell'Alto Danubio: nella valle il sentiero Donauberglandweg (sentiero della zona montuosa del Danubio) affascina con le sue alte vette e i panorami incantevoli.

Il sentiero Donauberglandweg inizia proprio con un'attrazione: con il bel tempo, dalla torre panoramica sul monte Lemberg alto 1015 metri, il rilievo più alto del Giura Svevo nel Baden-Württemberg, si vedono le Alpi e i Vosgi.

Il paesaggio che si apre lungo il sentiero fino ad arrivare alla valle fluviale del Danubio è molto vario.

La città alta medievale di Mühlheim an der Donau merita una visita. La grotta di Kolbingen, la suggestiva grotta di stalattiti e stalagmiti del Giura sudoccidentale, si trova sul sentiero, come anche il Knopfmacherfelsen (rocce del bottonaio) e l'imponente formazione rocciosa del Stiegelesfelsen.

L'ultima tappa del sentiero Donauberglandweg ripaga con la sua meravigliosa vista panoramica sull'Alta Valle del Danubio dalle rovine di Kallenberg fino al Castello di Bronnen. L'imponente monastero di Beuron, il centro culturale e spirituale dell'Alta Valle del Danubio, rappresenta una degna conclusione dell'escursione.

A Mühlheim la Valle del Danubio diventa più stretta, sulle montagne della Foresta Nera il fiume si è fatto strada attraverso le dure pietre calcaree del Giura Svevo. Si è formata una valle simile a un canyon con ripide pareti rocciose alte fino a 150 m.www.germany.travel

Bucarest: apre al pubblico la ex-residenza dei Ceaucescu

In Romania , é stato aperto al pubblico il Palazzo Primaverii noto come residenza della famiglia del dittatore Nicolae Ceaucescu.

Il museo aperto nei mesi scorsi a Bucarest è un vero gioiello architettonico che sorprende per le sue dimensioni generose ma anche per i suoi interni di grande valore: mobili, elementi di decorazione, porcellane, specchi, tappeti.

Le sue 80 camere sono tutte sfarzosamente decorate con carta da parati in seta, pannellature in legno pregiato, mosaici , marmi, lampadari e specchi di Murano, mentre i mobili sono di diversi stili: dallo stile rinascimentale all’Art Deco, dal barocco ai pezzi classici inglesi oppure in stile francese specifico del periodo Luigi XIV e XV.Nei suoi 4800 mq la ex-proprietà dei Ceausescu dispone di piscina, sauna, sala cinema, giardino dei pavoni e serra con specie di piante esotiche.www.palatulprimaverii.ro

Ad Anguilla, la nuova ospitalità Four Seasons

Apre a ottobre il nuovo Four Seasons Resort and Private Residences Anguilla

Sarà la meta dell'autunno, per chi è alla ricerca del fascino selvaggio di un'isola tutta da scoprire, senza rinunciare al servizio personalizzato che da sempre contraddistingue il brand.

Il nuovo Four Seasons Resort and Private Residences Anguilla si prepara a debuttare alle Isole Vergini a partire dal prossimo ottobre.

Lungo la costa nord occidentale dell'isola di Anguilla, direttamente fronte Mar dei Caraibi, il Resort offrirà camere e suite, incluse alcune residenze private con accesso dedicato sulla spiaggia e ville.

In un'atmosfera intima e raffinata, apprezzata tanto dalle famiglie quanto dalle celebrities, gli ospiti del Resort potranno sperimentare anche proposte culinarie senza pari o momenti rilassanti nella magnifica Spa, in alternativa alle numerose attività sportive.

Chic e casual allo stesso tempo, il nuovo moderno design si fonde con la natura dell'Isola, per una nuova esperienza caraibica senza pari.www.fourseasons.com

Franca Dell’Arciprete

  • img1
  • img2
  • img4
  • img5
 Versione stampabile




Torna