Il 28 luglio, a Milano, presso “Albar” in piazza Città di Lombardia, Gianni Fava, assessore regionale all’Agricoltura, Manuel Ghilardelli, sindaco di Ziano Piacentino, in rappresentanza anche dei primi cittadini degli altri comuni della Valtidone, Giulia Monteleone e Nicola Sogni, consiglieri comunali di Borgonovo, hanno presentato l’edizione 2016 del Valtidone Wine Fest 2016.

Il vino è la chiave di volta della prospettiva e dell'offerta turistica territoriale: è un elemento di forte distintività e di interesse. - ha detto l’assessore - Dove ci sono vitigni specifici autoctoni viene offerta ai visitatori l'opportunità di incontrare e conoscere i testimoni della storia di un territorio.

La settima edizione del Valtidone Wine Fest si svolge in piena vendemmia: il 4 settembre a Borgonovo, l’11 settembre a Ziano, il 18 settembre a Nibbiano e il 25 settembre a Pianello.

I protagonisti dei quattro fine settimana di settembre sono l’Ortrugo, l’unica vite e vino autoctoni, il tradizionale Gutturnio e la Malvasia di Candia aromatica, il vino di Leonardo da Vinci.

Anche quest’anno il festival permette agli amanti del buon bere di degustare vini doc abbinati alle eccellenze agroalimentari della provincia piacentina e scoprire le bellezze del territorio.

La Valtidone con il suo paesaggio, le sue bellezze e i suoi sapori fa parte delle gite fuori porta: il suo particolare posizionamento geografico, al confine tra 4 regioni e a soli 60 chilometri da Milano, permette di accogliere turisti e ospiti da gran parte del nord Italia che possono, così, conoscere ed apprezzare non solo l’Ortrugo, la Malvasia, il Gutturnio, ma anche Barbera, Bonarda, Pinot Grigio e Nero, Chardonnay, Sauvignon.

Nel corso della prima tappa, nel tendone posizionato nella centrale Piazza Garibaldi di Borgonovo Val Tidone più di 30 cantine del territorio hanno messo in mostra i loro Ortrugo, vino bianco proveniente da uve autoctone, fresco e beverino capace di imporsi come vino da pasto e da aperitivo. L’Ortrugo è stato abbinato alla chisöla, focaccia con i ciccioli tipica della zona, in un connubio di gusto e prelibatezza. Nel corso della giornata ci sono state anche degustazioni guidate e showcooking con chef stellati nella splendida cornice del castello medievale di Castelnovo.

L’11 settembre a Ziano, il comune più vitato d’Italia, i calici si riempiranno di Malvasia, il vino che, grazie alle sue possibili varietà, fermo o frizzante, dolce, secco e spumantizzato, può essere degustato in ogni occasione e con un’infinità di abbinamento. A Ziano il Malvasia avrà come compagna fedele la pancetta, uno dei 3 salumi Dop della provincia di Piacenza. Laboratori e degustazioni guidate, oltre ad altre proposte ludiche e culturali, accompagneranno il tendone del festival che quest’anno troverà posto nell’ex cinema Smeraldo.

La settimana successiva il centro storico di Nibbiano ospiterà la terza tappa del festival, il DiTerreDiCibiDiVini, dedicata ai vini passiti. Prima di immergersi negli assaggi e negli abbinamenti di domenica 18, come di consueto si terrà il sabato sera, 17 settembre, la consueta degustazione enogastronomica al Mulino Lentino con visita anche al museo dell’arte molitoria.

In occasione della celebrazione della Sagra di San Maurizio, il 25 settembre, Pianello concluderà la settima edizione del Valtidone Wine Fest con il trionfo dei vini frizzanti, bianchi e rossi, che le cantine e le aziende del festival metteranno in degustazione sotto il tendone di Piazza Madonna.

Per celebrare la bellezza del territorio, la segreteria del festival ha lanciato il contest fotografico “Valtidone nel bicchiere”, che premierà la migliore foto capace di interpretare territorio e vino.

Info, programma completo delle iniziative nei quattro comuni della Valtidone: www.valtidonewinefest.it - www.argalombardia.eu.

  • img1
  • img2
  • img3
  • img4
  • img5
  • img6
 Versione stampabile




Torna