L’opera lirica non è mai stata così giovane!

Raccontare e far vivere in prima persona l’opera lirica ai più piccoli, creare nuove energie grazie alla musica e rinnovare l’entusiasmo delle nuove generazioni nei confronti di un genere musicale che troppo spesso è percepito come troppo difficile, ‘noioso’ o nel migliore dei casi, adatto ad una ristretta élite di appassionati. E invece l’opera non è mai stata così giovane! Lo dimostra AsLiCo (Associazione Lirica e Concertistica Italiana) artefice di questa realtà educativa e di spettacolo e lo dimostra l’entusiasmo dei bambini e ragazzi italiani e dei loro insegnanti di scuola che seguono ogni anno i 4 progetti di Opera Education ed hanno la possibilità di diventare veri e propri protagonisti di uno spettacolo direttamente dal loro posto in platea. Quest’anno inoltre AsLiCo festeggia un compleanno speciale: Opera domani, il format pioniere dell’educazione all’opera per i piccoli arriva al traguardo dei 20 anni!

Appassionare bimbi e ragazzi all’opera - La missione di AsLiCo, da esattamente 20 anni e su impulso di Barbara Minghetti, è quella di scardinare una visione troppo ‘impolverata’ della lirica progettando e realizzando spettacoli di opera per bambini, collegati a percorsi didattici ad hoc, realizzati nelle scuole di tutta Italia. AsLiCo, già riconosciuto come soggetto per la formazione dal Ministero dell’Istruzione e sempre alla ricerca di canali didattici innovativi, attiverà da questa edizione il proprio spazio su ‘iTunes U’ la piattaforma di iTunes Store dove i migliori contenuti didattici possono essere condivisi in modo gratuito. Opera Education è un nuovo modo di pensare e proporre l’educazione musicale che negli anni è diventato un vero e proprio format, esportato ora anche in alcuni paesi d’Europa come Francia, Spagna, Belgio e Germania, e dallo scorso anno, anche in Oman grazie a coproduzioni internazionali.

Opera Education 2016: tutti i progetti e qualche numero - Quella che oggi è diventata un ventaglio di proposte dal nome Opera Education continua il suo entusiastico viaggio attraverso le grandi opere liriche di tutti i tempi facendo tappa per la stagione 2016 su due capolavori di Giacomo Puccini: Turandot e La bohème. La piattaforma di educazione musicale lavora con bambini e ragazzi dagli 0 ai 18 anni, grazie a quattro diversi spettacoli collegati a progetti didattici specifici per ogni fascia di età. I quattro percorsi, OPERA BABY (0-3 anni), OPERA KIDS (3-6 anni), OPERA DOMANI (6-15 anni), OPERA IT (15-18 anni) si indirizzano ciascuno verso la propria fascia d’età, elaborando strategie didattiche e teatrali coinvolgenti, divertenti, ma soprattutto adatte ognuna al proprio pubblico di riferimento. Un approccio pratico all’opera che diventa uno spettacolo musicale a cui il pubblico è chiamato a partecipare dalla platea, cantando alcune brevi arie ed interagendo con semplici oggetti costruiti a scuola. Nei 20 anni di attività e con l’introduzione di modalità e di progetti innovativi e con più ampia capacità di raggiungere ogni tipologia di partecipanti, questo tipo di lavoro di educazione musicale ha fatto crescere un pubblico entusiasta che diventa ogni anno sempre più numeroso. Ecco qualche indicazione solo per il progetto Opera domani, che quest’anno compie appunto il suo 20esimo compleanno e che nel 2015 ha contato sulla partecipazione di 130.000 studenti, 20.000 spettatori del pubblico di famiglie, 4.500 insegnanti con 140 spettacoli, in 26 città italiane e 10 repliche OPERA FAMILY.

L’edizione 2016 che festeggia il 20esimo compleanno di Opera domani è dedicata ai capolavori di Puccini, e propone l’opera Turandot, principessa falena, nella riduzione musicale di Enrico Minaglia con la regia di Silvia Paoli e la direzione del maestro Alessandro Palumbo. L’opera, una produzione di AsLico, che ha debuttato lo scorso febbraio a Como, farà tappa al Teatro degli Arcimboldi di Milano dall’11 al 13 maggio ore 9.00, 11.00 e 14.30 (repliche scolastiche) e il 14 maggio ore 16.00 e 20.30 (due repliche aperte al pubblico).

Opera domani, il progetto apripista di quella che è poi diventata una vera e propria piattaforma di educazione musicale, è nato dall’idea di creare una proposta per i ragazzi delle scuole elementari e medie che potesse educarli all’enorme e ricco patrimonio dell’opera. L’innovazione è rappresentata anche dalla modalità ‘partecipativa’ che permette a bambini e ragazzi di vivere da protagonisti uno degli spettacoli più completi e affascinanti della nostra tradizione artistica. Con un percorso didattico proposto ad hoc e realizzato a scuola, i ragazzi arrivano a teatro con gli strumenti per poter interagire con la storia che hanno imparato a conoscere approfonditamente in classe, grazie ad attività come la costruzione di un oggetto di scena con cui svolgeranno piccole, ma importanti azioni durante lo spettacolo e lo studio di alcune arie che canteranno dal loro posto, diventando così un vero e proprio coro interno all’opera. L’esperienza di chi assiste ad una replica di Opera domani è quella di uno spettacolo senza il pubblico, proprio perché il pubblico è nello spettacolo!

Info: tel 0289697360 - www.operaeducation.org

 Versione stampabile




Torna