Venerdì 12 febbraio, a Milano, nel Fuori BIT 2016, è stata presentata la “Guida delle Pedemontana Veneta”, che dedica un ampio spazio alle informazioni pratiche per percorrere la Pedemontana, che, con il suo percorso, attraversa l’intero cuore del Veneto, in un susseguirsi di paesaggi incantevoli, splendidi borghi, città storiche e ville nobiliari.

L’itinerario della Pedemontana Veneta, riconosciuta dalla legge regionale sul turismo fra i tematismi della Regione, è una vera e propria “Terra di Mezzo” tra Venezia e le Dolomiti, che coincide con l’intera fascia prealpina e collinare che parte dal Lago di Garda ed arriva fino al confine con il Friuli. Tre le province interessate - Verona, Vicenza e Treviso - per un’area che si estende dalle colline Veronesi (con Valpolicella, Val d’Illasi e Soave) fino a lambire i Monti Lessini,; passando per la parte vicentina (con i Colli Berici, la Valle dell’Agno e del Chiampo, Schio e la Val Leogra, Thiene, la Val d’Astico e Posina) fino alla vallata del Brenta con Bassano del Grappa e Marostica; e proseguendo infine in terra Trevigiana, con Possagno, Asolo e da Conegliano a Valdobbiadene fino a Vittorio Veneto.

Per gli appassionati di un modo di viaggiare ‘slow’, la Pedemontana offre molto … sotto tutti punti di vista: gli indelebili segni della Grande Guerra, le numerose testimonianze dell’origine romana di alcune città e dello splendore della Repubblica di Venezia e delle tante famiglie nobili che qui costruirono residenze e ville di campagna, ben 6 prodotti DOP e IGP, 9 Strade del Vino - lungo le quali si possono gustare i vini DOC e DOCG come Soave, Amarone e Prosecco Superiore - itinerari diversi per mountain bike, trekking, mototurismo, golf, deltaplano, parapendio, rafting.

La Guida, realizzata dal TCI in italiano e in inglese, è caratterizzata da un format pensato per un turismo “easy”, con contenuti essenziali e di facile lettura: dopo un quadro d'insieme, con il sommario dei luoghi da visitare, il volume affronta nel dettaglio la Valpolicella; le Colline di Soave e Lessinia; la Lessinia Vicentina; la Pedemontana Vicentina; la Pedemontana del Grappa, Colli Asolani e Montello; le Colline del Prosecco; i Colli Berici; i Colli Euganei. Le pagine finali sono dedicate all’accoglienza ed alle informazioni pratiche.

Il comodo formato tascabile ha pagine apribili a finestra che consentono di avere, a colpo d’occhio, un’ampia visione d’insieme.

La guida è un ottimo strumento per percorrere la Regione Veneto, che per il 2016 punta il suo obiettivo sul turismo slow, che permette ai viaggiatori di ricaricare le proprie energie, vivendo la vacanza nella dimensione della lentezza ed entrando, così, in contatto con l'ambiente e il territorio circostante. Del resto, il suo territorio, che conta 5 Parchi Regionali ed il Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi - tutti con una miriade di sentieri immersi nel verde, da percorrere a piedi, a cavallo, in barca o in bicicletta - è in grado di offrire agli amanti di questi tipo di turismo una infinità di attrattive: città d’arte, enogastronomia, cultura, turismo outdoor, cicloturismo.

All'interno dell'apposita sezione del portale www.veneto.eu, si trovano un road-book - che rappresenta il territorio con testi e immagini, offre un quadro completo di informazioni turistiche, assicura l’orientamento e la sicurezza mentre si pedala, con il suo formato rettangolare e la rilegatura ad anello è consultazione ed utilizzabile anche durante il viaggio - schede cicloturistiche dedicate ed un'ampia scelta di dispositivi multimediali che consentono di scoprire 4 itinerari a tappe e 7 facili escursioni in tutto il Veneto.

Questi i 4 itinerari: L’itinerario “Lago di Garda-Venezia” è all’insegna dell’arte. Tra una tappa e l’altra il turista può visitare Verona, la città della lirica, Vicenza e i capolavori palladiani, Padova città dell’affresco e della scienza e la celebre Riviera del Brenta fino a Venezia - L’itinerario “Anello del Veneto”, invece, è un excursus dei celebri paesaggi veneti: da quelli anfibi di laguna e fiume a quelli rurali di campagna e collina. Ogni tappa sarà allietata dalle diverse specialità gastronomiche che sono la sintesi più alta di cultura e natura - La terza proposta di viaggio in bicicletta “Via del mare” si sviluppa lungo la riviera adriatica: si parte da Rovigo e si pedala seguendo il dolce fluire di fiumi e canali che bagnano ambienti ricchi di fascino, come il Delta del Po, Chioggia e Sottomarina, la laguna di Venezia e tutte le dorate spiagge venete (Rosolina Mare, Cavallino, Jesolo, Eraclea, Caorle e Bibione) - Il quarto itinerario “Dolomiti-Venezia” ha una connotazione naturalistica e si sviluppa in leggera discesa: da Cortina d’Ampezzo, nel cuore delle Dolomiti Patrimonio Naturale dell’Umanità UNESCO, si scende fino alla laguna veneta. Ogni tappa attraversa una grande varietà di ecosistemi che il mondo ci invidia: dai boschi di abete alle pinete litoranee, dai laghi alpini ai fiumi di risorgiva.

Le 7 escursioni offrono la possibilità di passare una giornata di sole o un breve soggiorno di un week-end. Il territorio, infatti, si presenta attraverso percorsi diversi gli uni dagli altri ma tutti accumunati dal fatto di essere facili: “Anello dei Colli Euganei”, “Il GiraSile” e “Anello della Donzella” nel Delta del Po vi condurranno alla scoperta dei tre parchi del Veneto, aree protette dove l’ambiente si sposa con la cultura dei borghi storici e delle città murate. La “Ciclovia del Fiume Mincio” e la “Lunga via delle Dolomiti” sono così belle e famose da essere diventate dei classici per gli amanti del cicloturismo. Infine la “Ciclovia delle Isola di Venezia” e “I Paesaggi di Palladio” sono proposte che abbinano la bellezza dell’arte con il divertimento della pedalata in libertà.

I percorsi, adatti a tutti, sono stati tutti selezionati all’interno della Rete Escursionistica Veneta, il documento regionale di programmazione della mobilità dolce: pedalando lungo i 1200 km di ciclovie segnalate sarà possibile scoprire tutti gli angoli più magici di una terra straordinariamente ricca.

Info: www.veneto.eu,

 Versione stampabile




Torna