Martedì 1° luglio, Eugenio Libraro, Regional Director Italia e Malta, e Paolo Arcagni, Systems Engineer Manager della stessa area, hanno presentato alla stampa la nuova vision “Synthesis”, studiata per aiutare le aziende a difendersi dagli attacchi web, assicurare la conformità con le policy e migliorare la produttività. Sono state illustrate, anche, le motivazioni della acquisizione di Defense net, fornitore di servizi cloud-besed per la protezione dei data center e delle applicazioni internet dai distributed denial-of-service (DDoS), Infine Libraro ed Arcagni hanno spiegato la visione aziendale per il Software Defined Networking e i futuri sviluppi.

F5 Networks, società americana di informatica con sede a Seattle, ma diffusa in tutto il mondo, grazie ad un’offerta completa, acquisizioni mirate, investimenti in ricerca e sviluppo ed un sguardo rivolto all’innovazione, continua a crescere. Il fatturato è quintuplicato in 9 anni, cinque anni era di 653 milioni di dollari, nell’ultimo esercizio fiscale il fatturato è stato di un miliardo e 481 milioni di dollari. La società è senza debiti, con una liquidità di oltre un miliardo e 230 milioni, nonostante le recenti acquisizioni. F5 Networks è particolarmente appetibile in Borsa: al Nasdaq, dove è quotata, da inizio anno, ha messo a segno un progresso del 25 per cento che sale al 60 per cento su base annua.

La società ha tutti numeri per continuare a crescere perché ha fatto della tecnologia, applicata in particolari ambiti del mercato IT, il suo principale punto di forza. - dice Eugenio Libraro - Il mercato ci sta premiando, anche in Italia. Solide prospettive di crescita.

F5 Networs è presente in Italia da una decina d’anni con un team di circa 50 persone e un inedito modello commerciale.

La società opera, sostanzialmente, in due distinte aree di mercato.

Una è quella della sicurezza, dove ha potenziato il suo peso con due recenti acquisizioni: Defence.Net, attiva sul fronte dei Ddos (Distributed denial-of-service), e Versafe, specializzata nei prodotti antimalware.

La altra area di mercato è riconducibile ai servizi di application delivery, forniti tramite la piattaforma Traffic Management Operating System (Tmos). I prodotti più conosciuti sono gli Application Delivery Controller (ADC), componenti fondamentali delle odierne architetture dei data center, per la loro capacità di supportare prestazioni elevate, tipica dei prodotti F5. Il relativo mercato, stimato da Gartner, su base trimestrale, in 406 milioni di dollari, di cui oltre la metà è appannaggio di F5 Networks (il numero due con una quota di quasi il 17 per cento è Citrix).

Non siamo un hardware vendor - dice Paolo Arcagni - ma una software house e nell’hardware, particolarmente specializzato, che sviluppiamo e produciamo, vediamo semplicemente un supporto alla nostra attività.

La strategia di F5 Networks si impernia su partership in tutti i settori: networking (Cisco, VMware, HP), system integration (IBM, HP, Dimension Data), cloud (Amazon e Windows Azure), sicurezza (Oracle e Websense), della orchestrazione (VMware,Microsoft) e delle applicazioni (SAP e Microsoft).

  • img1
  • img2
  • img3
 Versione stampabile




Torna