Chris, Paul, Amanda, Natalie, Michael e Zoe, sono sei giovani turisti amanti del pericolo, che decidono di regalarsi una vacanza a Pripjat la città ucraina divenuta fantasma dopo l’esplosione del reattore della centrale atomica di Chernobyl che nel 1986 terrorizzò il mondo. Sono accompagnati su un vecchio autobus da Uri,un agente del posto, specializzato in turismo estremo, che ignora tutti i segnali di pericolo.

Nella prima parte del film, particolarmente luminosa, si sviluppa il viaggio verso Pripjat con una natura dai colori tenui e l’apparizione di alcune forme di animali mutanti.

Poi il gruppo arrivato nella città fantasma inizia ad esplorare gli edifici abbandonati con un buio incombente, rotto solo da fasci di luce delle torce.

Quando però il mezzo non sarà più in grado di ripartire e i protagonisti devono trovare la via di fuga, altre presenze si manifesteranno in modo minaccioso: bifolchi, animali feroci, mutanti, zombie, alieni …. Si “percepiscono” le presenze, ma non si vedono mai in maniera nitida.

La storia horror è raccontata con l’originalità e la freschezza di ripresa di un esordiente: Parker, un tecnico degli effetti speciali, firma, infatti, la sua opera prima.

 Versione stampabile




Torna