Nel mese di luglio, sul sito del Cnipa, è uscito il 1° numero del Bollettino con il quale l’Ufficio Standard e metodologie d’identificazione, informa sull’attività di vigilanza sui certificatori qualificati, effettuata dal CNIPA, ai sensi dell’art. 31 del Codice dell’amministrazione digitale, approvato con Decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82.

Firma digitale: bollettino del Cnipa

  Nuove Tecnologie  

Il primo numero del Bollettino descrive lattivit di vigilanza svolta fino ad oggi dal Cnipa e sintetizza le azioni che saranno intraprese affinch la vigilanza sia effettuata sulla base di schemi e principi ben delineati, descritti in appositi documenti al fine di formalizzare le attivit di vigilanza e garantire adeguato rispetto dei principi di trasparenza ed imparzialit cui la vigilanza dovr continuare ad ispirarsi.

La Direttiva europea 1999/93/CE prescrive, allart. 3, comma 3, che Ciascuno Stato membro provvede affinch venga istituito un sistema appropriato che consenta la supervisione dei prestatori di servizi di certificazione stabiliti nel loro territorio e rilascia al pubblico certificati qualificati.

Tale organismo stato identificato, dallart. 31 del Codice della amministrazione digitale nel Centro Nazionale per lInformatica nella Pubblica Amministrazione.

Il CNIPA deve quindi ottemperare a diverse previsioni normative derivanti dal conferimento delle funzioni di vigilanza e controllo sullattivit dei certificatori qualificati, che non svolgono solo lattivit di certificazione inerente la firma digitale ma anche lattivit di rilascio dei certificati di autenticazione necessari allemissione di tale smart card.

Il CNIPA, tramite lUfficio Standard e tecnologie didentificazione effettua verifiche attraverso la rete  e con delle visite presso alcune sedi operative dei certificatori.

 

 Versione stampabile




Torna