Il già ricco portfolio di premi e riconoscimenti acquisiti da Segis nel corso degli anni, si arricchisce oggi con il Compasso d´Oro, assegnato dall´ADI-Associazione per il Disegno Industriale, presieduta dall’architetto Luisa Bocchietto.

La giuria della 21esima edizione del premio ha assegnato il Compasso d´Oro alla seduta R606 UNO, design Bartoli Design e Fauciglietti Engineering, poiché sperimenta per la prima volta le possibilità funzionali del polimero R606 in una configurazione rigorosa, alla quale si contrappone la materia soffice applicata in uno stampo unico al supporto interno.

Il premio Compasso d´Oro ADI è il primo e il più autorevole premio europeo del settore, istituito nel 1954. Dal 1964 viene gestito esclusivamente dall´ADI e viene assegnato sulla base di una preselezione effettuata dall´Osservatorio permanente del Design, formato da esperti (critici, storici, progettisti, giornalisti specializzati), soci dell´ADI o esterni a essa, impegnati con continuità nel raccogliere informazioni, valutare e selezionare i migliori prodotti. Gli oggetti premiati e segnalati in oltre cinquant´anni di vita del premio sono raccolti nella Collezione storica del Premio Compasso d´Oro ADI.

R606 UNO è una sedia impilabile, con struttura interna in acciaio ad alta resistenza e inserto dello schienale realizzato in speciale termopolimero elastico. Il tutto è poi annegato in un composto bicomponente a doppia densità. Questa combinazione di materiali assicura alla sedia al contempo rigidità strutturale e piacevolezza al tatto, morbidezza e comfort. La pellicola di rivestimento è infatti sufficientemente flessibile da accogliere il peso del corpo, modellandosi sulle forme quel tanto che basta ad assicurare una seduta e un appoggio confortevoli. Disponibile in 4 colori, con finitura opaca, R606 UNO offre elevata resistenza all´abrasione e alle macchie ed è ignifuga in Classe 1.

Il Compasso d´Oro costituisce il suggello alla lunga frequentazione di Segis con il design internazionale e al coordinamento-direzione artistica dell’architetto Carlo Bartoli, che ha dato vita a oggetti dalle indiscusse qualità estetiche, tecniche e di comfort. È un design pensato per sopravvivere ai fenomeni di costume e alle mode, con l’ambizione di creare prodotti destinati a durare nel tempo, con un posizionamento alto di immagine e di contenuti, ma accessibile e democratico. È infatti un design dai costi contenuti grazie alla lunga esperienza maturata nel contract, dove l’affidabilità costruttiva, la qualità dei prodotti, uniti agli alti standard prestazionali e alla ricerca di materiali e tecnologie innovative (per esempio le termoplastiche di ultima generazione) sono la vera leva strategica nell’arena competitiva del design d’arredo nazionale e internazionale. R606 UNO nasce dalla proposta di Fauciglietti a Bartoli di utilizzazione di un materiale innovativo in una sedia da ideare per Segis.Ci siamo ispirati alla natura. Abbiamo utilizzato questo materiale morbido con grandi possibilità tecniche: una "pelle" costituita da cellule molto compatte e alto peso specifico, che fa corpo unico con l´interno più morbido, di densità e peso specifico indipendenti da quelli della "pelle". Con un´unica stampata otteniamo l´interno soffice e la "pelle" esterna elastica e molto resistente, come l´epidermide che protegge in modo perfetto l´organismo degli esseri viventi. Il processo produttivo prevede l´applicazione in stampo dello strato di "pelle" a spessore determinato, al fine di consentire un´ottima aderenza al materiale interno di supporto; il tutto avvolge la struttura in acciaio e plastica e realizza un prodotto con un alto comfort di seduta. R606 UNO ha volutamente una forma geometrica elementare e i colori scelti, come la forma, sono decisi: giallo, rosso, bianco, nero. Desideravamo comunicare con la vista della sedia un´idea di durezza e rigidità, sorprendentemente smentita dalla morbidezza e flessibilità dell´oggetto all´atto della seduta: il design, abbinato a questa tecnologia, ci consente di trasmettere gradevoli sensazioni tattili, emozione, fantasia, colore.

 Versione stampabile




Torna